Quando l’Arte incontra la moda: 5 interessanti collaborazioni

Non molto tempo fa, navigando fra gli insidiosi meandri del Web, scoprii che Vans aveva da poco lanciato una linea di scarpe chiamata Frida Khalo (vedi l’immagine). Un tributo all’artista messicano, famoso in tutto il mondo per i suoi autoritratti e le sue opere ispirate alla natura. Così, dopo essermi informata sulla tipologia di scarpe di cui si trattasse, realizzai che in passato c’erano state altre occasioni in cui artisti e stilisti di moda avevano collaborato.

undefined

L’Arte e la moda, due mondi che all’apparenza potrebbero sembrare opposti, ma che forse, hanno più di un aspetto in comune.

Non a caso, siamo costantemente immersi in un mondo dove gli stilisti si lasciano ispirare dall’Arte e al contempo le gallerie aumentano le loro esposizioni dedicate ai grandi nomi della moda.

Non solo.

La pittura ha ripercorso e si è evoluta in parallelo con la società e il mondo dell’innovazione. Se ci riflettiamo, la moda non è poi così lontana da tutto ciò.

Pensiamo solo alle ragioni che muovono le grandi case di moda nell’ideazione delle loro collezioni: tutte, in un modo o nell’altro, nascono per aiutare le persone a esprimere se stessi. E’ vero anche, che la moda è per sua natura temporanea e come l’Arte, cambia e si adegua al volere sociale. Lo stesso cambiamento radicale, che subì l’abbigliamento femminile quando Choco Channel e Yves Saint Laurent disegnarono negli anni 50 e 60 i primi pantaloni come simbolo dell’emancipazione delle donne, ne è un chiaro esempio. 

Alla fine, anche se nella divisione delle Arti Tradizionali la moda non c’è, gli stilisti sono artisti e quando due artisti si incontrano, danno vita a qualcosa di incredibile…

 

5 stilisti che si sono ispirati al mondo dell’Arte

 

Schiapparelli e Dalì

Elsa Schiapparelli è una stilista italiana che ha influenzato molto la moda femminile del XX secolo. Ebbe l’opportunità di lavorare con il grande artista Salvador Dalì alla creazione del “vestito aragosta”, che rappresenta una delle più recenti collaborazioni avvenute tra uno stilista e un’artista.

undefined

Pensate che il vestito non fu apprezzato da molti, a causa della posizione dell’aragosta che secondo alcuni dava all’abito una connotazione erotica.

 

Yves Saint Laurent e Mondrian

La collezione di Mondrian e Yves Saint Lauren non è stata una vera e propria collaborazione dal momento che lo stilista fu ispirato dal pittore e decise di rendere omaggio all’artista con la collezione Piet Mondrian. YSL, ispirandosi alla composizione a caramelle con le quattro linee gialle (1933) disegnò sei vestiti, contraddistinti da linee nere e blocchi colorati.

undefined

Questi vestiti diventarono un’ icona dell’alta moda: qualcosa di facile da indossare e senza dubbio originale!

 

Yves Saint Laurent and Van Gogh

Yves Saint Laurent, non mancò ancora una volta di mostrare la sua passione da collezionista d’Arte e nel 1988 presento un’intera linea ispirandosi a due famosi capolavori dell’artista  Vincent Van Gogh, “gli Iris” e “i Girasoli”.

undefined

undefined

YSL fu anche il primo ad introdurre i tessuti “animalier” nelle collezioni e a far sfilare modelle di colore. 

Jeff Koons e Louis Vuitton

Considerato erede di Andy Warhol e continuatore della Pop Art, l’artista americano Jeff Koons, famoso per affrontare temi legati al consumismo e al gusto kitsch del popolo americano, fu scelto dalla casa di moda francese Louis Vuitton per una collezione di borse e accessori. 

Così in un attimo, alcune sue copie originali delle opere di Leonardo Da Vinci, Rubens, Tiziano, Fragonard e Vang Gogh sono state riprodotte sulle borse simbolo della maison.

undefined

“L’artista, nella collezione “Masters”, mette a nudo l’aspetto kitsch del nostro attaccamento all’oggetto”

 

Salvatore Ferragamo e la moda sostenibile

“Sustainable thinking”, si chiama così la mostra sulla moda sostenibile ideata da Stefania Ricci, direttrice del Museo e della Fondazione Ferragamo. Un percorso narrativo che alterna composizioni artistiche e installazioni, a scarpe e abiti, con un forte richiamo a materiali di riciclo e tessuti naturali.

 

undefined

L’abito di Stella Jean è una delle opere esposte al Museo Ferragamo. Si tratta di un abito in viscosa, dipinto e ricamato a mano dall’artista Ambra Lucidi.

Secondo alcuni studiosi d’Arte contemporanea un qualsiasi capo di abbigliamento documentato in un dipinto, aiuterebbe a dargli una collocazione temporale. Così come gli storici della moda sostengono che un abito disegnato su una tela dia movimento all’abito stesso.

 

Sembra proprio che queste due forme d’Arte si inseguano a vicenda, in un gioco di colori e simboli senza fine.

 

Se allora è vero che la moda per secoli ha preso ispirazione dai movimenti artistici, allo stesso modo gli artisti  si sono serviti dell’abbigliamento come strumento per dare realismo alle loro opere.

 

Anche tu sei curioso di vedere dove prendono ispirazione i nostri artisti?

Inizia da qui

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: