L’opera ecologica di Stefano Pallara #ArtistOfTheWeek

Stefano ha origini meridionali, ma ormai vive a Londra da diverso tempo.

Il suo lavoro ruota attorno a temi come la definizione dell’identità, l’introspezione e la libertà, che l’artista immerge in paesaggi come il Mediterraneo e il colore abbagliante delle sue luci.

Se foste interessati a saperne di più sulla sua storia, vi invito a leggere l’articolo precedente.

Quando abbiamo iniziato a parlare di Stefano gli abbiamo chiesto quale fosse il capolavoro a cui era particolarmente legato.

La sua risposta fu: Small Town Boy Plotting.

Small Town Boy Plotting

Small Town Boy plotting - Artupia

Small Town Boy Plotting è un dipinto realizzato da Stefano Pallara.

Dettagli: misto su legno, 42x52cm.

La storia di questo dipinto è direttamente collegata alla vita di Stefano e ai suoi momenti di solitudine quando si abbandonava a se stesso fantasticando sul suo futuro.

 

Ti va di raccontarci la storia di questo dipinto?

Small Town Boy Plotting è un dipinto che mi ricorda il passato, la mia gioventù. Parla di quanto fosse forte in me il desiderio di scappare e scoprire il mondo, un sentimento che mi ha tormentato negli anni che hanno preceduto il mio trasferimento all’estero. E’ una tela che racconta anche quel senso di malinconia e isolamento che ho provato vivendo in una piccola città.

Il ragazzo nel dipinto è intento a guardare l’orizzonte e a fantasticare un’altra vita in un posto lontano.

Small Town Boy Plotting - artupia

Sono nato e cresciuto in un piccolo paese a sud dell’Italia, sempre animato da un grande desiderio di scoprire il mondo. Quando ho compiuto 21 anni, ho vinto un concorso che mi ha dato l’opportunità di studiare a Londra. Da quel momento in poi la mia vita cambiò radicalmente. 

La macchina nel dipinto è una Ford Escort, è stata la mia prima macchina! Appena presi la patente mi piaceva andare nei posti lontani, in campagna o al mare, per poi fermarmi a guardare l’orizzonte e fantasticare sul mio futuro”. 

Cosa pensiamo ad Artupia: 

“Mi piace il fatto che i dipinti di Stefano possano sembrare a prima vista astratti, ma nel momento in cui ti fermi a guardarli più attentamente ti accorgi della presenza di elementi figurativi al suo interno.

La luce, il cielo e l’acqua sembrano mescolarsi in un’esplosione di trame e colori dando un ulteriore senso di profondità al dipinto. La cosa bella di Stefano è che potresti riconoscere il suo stile da lontano, guardando un suo dipinto come ad esempio “Mater Suspiriorum”, dove tecniche digitali e tradizionali si incontrano  dando all’opera un aspetto unico e inconfondibile.

Small Town Boy Plotting dà spazio a diverse interpretazioni: si tratta di un ragazzo solo in un deserto immenso di fronte a un cielo ardente al tramonto? O si trova su una spiaggia a guardare l’oceano in fiamme? Entrambe le ipotesi potrebbero essere vere, oppure no.
Non sapremo mai con certezza i pensieri di questo ragazzo e questo rende il dipinto ancora più interessante: si tratta di una tela, che ti invita a dare libero sfogo all’immaginazione.

Questo è l’aspetto che mi intriga più dell’Arte, non il semplice messaggio, ma il fatto di poter riflettere e dare la mia personale interpretazione.” 

Thomas, designer ad Artupia

Stefano & Artupia

Stefano è entrato a far parte di Artupia nel 2017 e ha subito iniziato a caricare bellissimi dipinti colorati rappresentando paesaggi e stanze fantasiose che galleggiano nello spazio.

Ci ha raccontato della sua vita nell’East London, in questo enorme edificio dove al piano terra c’era un grande spazio per la spazzatura e le persone buttavano via di tutto e di più, senza distinzione di materiali.

Pills and Petals

Pills And Petals di Stefano Pallara

Stefano era sempre più infastidito dal vedere tutto quell’inquinamento e spreco di materiali riciclabili. Così iniziò a prendere parte di quelle cose e metterle da parte. Iniziò con alcuni elementi d’arredo come armadi, sedie, tavoli, specchi, librerie. Li portò a casa e iniziò a metterli a posto, a pulirli e ridipingerli. Li utilizzò per arredare casa sua e di alcuni dei suoi amici. Dopo si diede alla ricerca di pannelli, cornici e tele per dare un tocco di colore anche alle mura di casa sua… fu così che piano piano iniziò a introdurre materiali da riciclo nelle sue opere.

La sua prima collezione Colordive fu inspirata dal desiderio di proteggere l’ambiente attraverso l’uso creativo di materiali di scarto.

undefined

Diving N°19Diving N°7Diving N°8

 

Mary Poppins' Night Wander

Mary Poppins’ Night Wander

Stefano fu selezionato da Artupia per realizzare un’opera Personalizzata per il lancio del film “Mary Poppins Il Ritorno”. I suoi dipinti furono selezionati per la campagna #TakeMeHome e le stampe furono distribuite in quattro città italiane: Milano, Venezia, Pisa e Roma.

Nel Gennaio 2018 Lucky Red chiese ad Artupia di realizzare delle opere Personalizzate per il lancio del nuovo film di Van Gogh “At Eternity’s Gate”. Lucky Red all fine selezionò Stefano per realizzare un dipinto che si ispirasse alla scena del film in cui Van Gogh sta camminando in un meraviglioso campo di lavanda.

L’opera di Pallara fu esposta al cinema Giulio Cesare di Roma.

 

Nel giugno 2019 Stefano partecipò al nostro evento #MakeArtNotPollution portando a termine tre Dipinti raffiguranti dei paesaggi urbani avvolti da cieli molto colorati: questi pezzi unici furono realizzati utilizzando dei materiali da riciclo trovati in dei cassonetti della spazzatura. Tra questi materiali c’erano pannelli, tele di legno e tele di recupero, scarti di vernice murale, scarti di vernice murale, glitter riciclati e ritagli di carta.

Stefano ha collaborato attivamente con Artupia caricando con costanza nuove opere e realizzando dipinti personalizzati per aziende e privati.

 

Scopri il profilo di Stefano

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: