Un famoso dipinto che tutti dovrebbero conoscere: Notte stellata

Nell’articolo di oggi sui dipinti famosi della storia dell’Arte che dovresti conoscere, parleremo della “Notte stellata”. Forse il titolo non ti è familiare, ma sono sicura che appena lo vedrai saprai di cosa sto parlando.

undefined

Realizzato dal pittore olandese Vincent van Gogh nel 1889, Notte stellata è la raffigurazione di un paesaggio visto dalla stanza dell’istituto di salute mentale a Saint-Remy dove il pittore fu ricoverato a causa della sua malattia mentale e della sua amputazione all’orecchio. 

 

Un manicomio… quindi un’altro artista tormentato?

 

Non a caso, Vincent van Gogh era conosciuto per soffrire di episodi psicotici: la famosa storia dell’amputazione del suo orecchio durante una lite con il suo amico Gauguin lo ha reso uno dei pittori più conosciuti al mondo. Nonostante questo, durante la sua vita non ha ricevuto molti riconoscimenti per il suo lavoro;  è sempre stato considerato più un fallito e un matto, piuttosto che il pittore brillante che oggi tutti rispettano. La gente ha iniziato a parlare di lui e dei suoi lavori solo dopo il suo triste suicidio, che lo rese “il genio incompreso”, “l’artista dove pazzia e creatività convergevano”, “la figura dell’artista torturato”.

Ad oggi, Notte stellata è il capolavoro più famoso di van Gogh anche se, in una lettera che scrisse a suo fratello confessò quanto fosse deluso del risultato finale del dipinto, tanto da ritenerlo un fallimento.

L’artista fu famoso anche per aver avuto un’ammirazione particolare per la natura, che egli amava personificare nelle sue opere (come nel suo dipinto “I girasoli”).

Cosi scrisse in una delle sue lettere:

“I pittori comprendono la natura, la amano e ci insegnano a vedere le cose”.

“Notte stellata” sembra essere l’intima espressione di una reazione di van Gogh nei confronti della natura, quando al sorgere del sole, vide dalla finestra della sua stanza la stella del mattino.

Ma non è tutto. Il dipinto sembra essere un insieme di significati che racchiudono ciò che ha visto nel corso della sua vita, ma anche i suoi ricordi: per esempio la guglia della chiesa è stata ispirata dal suo paese natale, l’Olanda; mentre la rappresentazione del cielo raffigura delle bellissime nebulose.

Vincent van Gogh ebbe un interesse particolare per la notte che secondo l’artista, era “molto più viva e colorata del giorno”. La notte probabilmente era per l’artista un momento di pace che gli permetteva di evadere dal suo tormento ed esprimere la sua creatività. Non dimentichiamoci che egli dipinse il paesaggio dalla camera del manicomio (che non è il posto più felice sulla terra!) e nonostante questo, a detta dell’artista il dipinto vuole esprimere un senso di serenità. 

 

Che dire, fortunato lui, non ho mai visto un cielo così bello! 


Il cielo infatti è particolarmente luccicante e rappresenta la parte principale del dipinto. Vincent ha realizzato un cielo pieno di vortici, turbinii e incredibili stelle. Dopo alcune ricerche, sembra che la stella dominante che vediamo alla destra del cipresso è in realtà Venere, che all’epoca era molto luminosa. La luna è stilizzata ma alcuni documenti astrologici confermano che nel momento in cui van Gogh completò l’opera, in realtà era in fase calante. L’autenticità o meno di questa notte fu il soggetto di molte ricerche, ma un astrofisico francese, Jean – Pierre Luminet, confermò che il cielo rappresentato era coerente con la mappa celeste del 25 maggio 1889, alle 4:40 del mattino. Un’estrema precisione.

 

Vero o no, questo cielo iconico diventò un’ispirazione nella cultura pop per molti artisti contemporanei: in molti hanno reinterpretato “Notte stellata” aggiungendo l’icona della cultura pop come i personaggi dei cartoni e i famosi simboli dei Paesi, come la Torre Eiffel il Golden Gate Bridge. Tuttavia, Notte stellata è anche rappresentata da oggetti del nostro quotidiano come tazze, calze, magliette, calamiti. 

 

Dal 1941, il dipinto è parte della collezione permanente del MoMa (il Museo d’Arte Moderna) a NewYork. Affascinato dalla natura, Vincent van Gogh ha realizzato più di 2000 dipinti con questo tema. Ha cercato di esprimere le sue emozioni e le sue reazioni psicologiche nei confronti del mondo, attraverso colori forti e immagini espressive. Questo cielo stellato è stato un aspetto ricorrente nei dipinti dell’artista, come: “Notte Stellata sul Rodano” e “Terrazza del caffè sulla piazza del Forum”.

Hai mai pensato di aver una tua collezione di opere d’Arte?

Inizia ora!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: